view raw

Lezioni private recupero scolastico preparazione esami universitari

Metodo di studio e motivazione

Spesso ricevo chiamate del tipo: “salve, mio figlio non ha capito le equazioni di secondo grado, può dargli una mano?”.
Certo che posso!

 

Una volta incontrato lo studente però, apprendo che il problema non sono le equazioni di secondo grado, ma il suo metodo di studio inesistente e la scarsa voglia di studiare.

Questo problema è molto comune, soprattutto negli studenti di età inferiore ai 18 anni.

D’altro canto, chi non preferirebbe andare a giocare con gli amici piuttosto che stare chiusi in casa a studiare?

Come insegnante, posso sicuramente aiutare tantissimi studenti, senza motivazione però, le mie spiegazioni sono completamente vane.

Ho deciso così di impartire lezioni specifiche sui due pilastri del successo scolastico: Motivazione e Metodo di studio.

 

Metodo di studio:

 

Sfatiamo subito un mito: il metodo di studio universale non esiste. Ogni studente è fatto a modo suo.

 

Tutti noi ci accorgiamo di avere bisogno di alcune condizioni particolari per riuscire a studiare con efficacia. Ad esempio, c’è chi lavora meglio al mattino, chi alla sera, chi all’aperto, chi nel silenzio assoluto di una stanza, chi con la musica di sottofondo, ecc.
Inoltre, confrontandoci con altre persone, ci accorgiamo che ognuno ha strategie di studio diverse. Alcuni preferiscono esempi pratici, altri vogliono le associazioni visive, altri ancora prediligono l’esercizio e la ripetizione.

 

È mio compito è quello di interpretare lo studente e cucirgli addosso il metodo di studio perfetto. Dopo anni di esperienze riesco a capire virtù e debolezze di chi ho di fronte. Agisco quindi colmando i punti deboli e sfruttando i punti di forza.

 

Una mia studentessa per esempio, non digeriva la regola risolutiva delle equazioni di secondo grado. In compenso era un razzo nei calcoli! Ho deciso quindi di raccontargli una storiella assurda e stupida con dei personaggi che avevano il nome degli elementi della formula, ovvero “a”,” b” e “c”.  In pochissimo tempo ha memorizzato la storiella ed ha iniziato ad applicarla. Ogni volta che ripensava a questo buffo metodo di studio, spuntava un sorrisetto sul suo volto. Dopo circa un mese, mi ha sfidato a risolvere alcune equazioni di secondo grado: ammetto di aver perso per essere stato leggermente più lento nei calcoli XD.

Ebbene sì, l’allievo può superare il maestro, e io ne sono ben felice!

Oltre a ciò, metto a disposizione dello studente tecniche innovative di apprendimento in grado di dare enormi vantaggi sul piano didattico. La più famosa è sicuramente la “tecnica dei loci” ciceroniana, ma ne esistono tantissime altre, valide e più efficaci nelle materie tecniche.

 

Motivazione e voglia di studiare:

 

È statisticamente provato che il 90% degli studenti non ha voglia di studiare. Ecco perché si parla di scuola “dell’obbligo”. Se lasciassimo la libera scelta, molte persone non avrebbero nemmeno la terza media.

Questo rifiuto nei confronti della scuola, si può comunque ridurre e controllare.

Il gioco è nel far capire allo studente quali sono i vantaggi di studiare ed ottenere buoni risultati a scuola ed all’università.

Ad esempio Elon Musk, ovvero l’inventore di Tesla, è laureato in fisica ed economia. Senza lo studio non sarebbe dov’è ora.

Anche Arnold Schwarzenegger è laureato in economia e marketing dello sport. Chi l’ha detto che un bodybuilder deve per forza essere ignorante? Senza quelle conoscenze avrebbe sicuramente fatto meno carriera.

Il difficile è trovare la leva emotiva giusta per ogni studente. In determinate fasi della crescita infatti, gli obiettivi e le priorità non sono sempre chiari. Diventa quindi fondamentale suggestionare positivamente lo studente e trovare un personaggio che possa ammirare ed emulare. Ovviamente questo “idolo” deve essere il più istruito possibile!

Spesso gli studenti, alla prima difficoltà, si fermano e mi chiedono: ma Luca, a cosa serve studiare?

La mia risposta varia di volta in volta, perché deve stupire, colpire, rimanere impressa nella mente del mio allievo. Solo così avrò stimolato la sua motivazione.

Nella home di questo sito puoi comunque trovare i comuni vantaggi che derivano dal metodo di studio e da una buona istruzione.

Ci sono un’infinità di modi per ritrovare la voglia di studiare, quindi per ora mi fermo qui.

Avremo modo di approfondire faccia a faccia i diversi casi.

 

Come sempre, per ulteriori informazioni, non esitare a contattarmi!